Descrizione.

L’uso di doping in passato e l’esser favorevoli all’incremento delle prestazioni con l’aiuto di sostanze in generale, sono i maggiori predittori tra gli atleti di livello nazionale, dell’inclinazione a fare uso di doping. Tale inclinazione aumenta quando hanno un infortunio, una flessione nelle prestazioni o quando credono gli altri atleti ne facciano uso, fenomeno questo, definito “effetto del falso consenso” (Whitaker, 2014).

Una ricerca effettuata tra atleti adolescenti, in cui sono state indagate, attraverso il Beliefs about the Causes of Success in Sport Questionnaire (BACSSQ), le credenze di attribuzione al successo nello sport, ha mostrato una diffusa idea di dover ingannare attraverso l’uso di doping per raggiungere il successo nello sport (Barkoukis, 2014).

“Doping to win”. Documentario. 

L’uso di integratori legali quali la creatina, le proteine del siero e del latte, le beta alanine, gli amminoacidi ramificati e la glutammina, le norme sociali percepite dall’ambiente in cui si pratica lo sport (approvazione sociale percepita riguardo l’uso di doping) e l’attitudine positiva al doping (percezione dei benefici ed opinioni favorevoli alla legalizzazione del doping) sono i fattori maggiormente correlati all’inclinazione al doping ed all’uso di doping. Al contrario, la percezione del controllo sul proprio comportamento e delle tentazioni ambientali (self-efficacy), l’elevata sportpersonship (bassa inclinazione ad infrangere le regole per raggiungere la vittoria) ed il rispetto degli standard etici sono i fattori con minore associazione al doping (Ntoumanis, 2014). Una ricerca effettuata fra atleti italiani ha mostrato quali sono i principali correlati nell’attitudine al doping. A livello psicologico sono la motivazione estrinseca (guadagni economici, riconoscimenti esterni) ed il perfezionismo, a livello sociale sono i contatti con atleti che fanno uso di sostanze dopanti (Zucchetti, 2015).

Oltre agli alti livelli di self control, in grado di proteggere l’atleta dall’intenzione e dall’attitudine all’uso di doping (Chan et al., 2015), una variabile coinvolta nei comportamenti anti doping riguarda la motivazione autonoma, quella in grado di coinvolgere la persona nel far un’attività con entusiasmo e volizione, con un senso di libera scelta ed energia. Si compone della motivazione intrinseca (far qualcosa spontaneamente poiché ci interessa ed appassiona) e di quella identificata (una forma internalizzata di motivazione estrinseca, riguarda il far le cose poiché hanno un valore personale e soggettivo) (Chan et al., 2015).

“Say NO! To Doping – Respect”. Campagna di sensibilizzazione della World Anti-Doping Agency (WADA).

Per approfondire ed info: http://www.gianfilippoorsanigo.it/contact/

Bibliografia.

Barkoukis V., Lazuras L., Tsorbatzoudis H. (2014). Beliefs about the causes of success in sports and susceptibility for doping use in adolescent athletes. J Sports Sci. 014;32(3):212-9. doi: 10.1080/02640414.2013.819521. Epub 2013 Sep 9.

Chan D.K., Dimmock J.A., Donovan R.J., Hardcastle S., Lentillon-Kaestner V., Hagger M.S. (2015). Self-determined motivation in sport predicts anti-doping motivation and intention: a perspective from the trans-contextual model. J Sci Med Sport. 2015 May;18(3):315-22. doi: 10.1016/j.jsams.2014.04.001. Epub 2014 Apr 13.

Chan D.K., Dimmock J.A., Donovan R.J., Keatley D.A., Hardcastle S., Lentillon-Kaestner V., Hagger M.S. (2015). Self-control, self-regulation, and doping in sport: a test of the strength-energy model. J Sport Exerc Psychol. 2015 Apr;37(2):199-206.

Ntoumanis N., Ng J.Y., Barkoukis V., Backhouse S.H. (2014). Personal and psychosocial predictors of doping use in physical activity settings: a meta-analysis. Sports Med. 2014 Nov;44(11):1603-24. doi: 10.1007/s40279-014-0240-4.

Zucchetti G., Candela F., Villosio C. (2015). Psychological and social correlates of doping attitudes among Italian athletes. Int J Drug Policy. 2015 Feb;26(2):162-8.

Whitaker L., Long J., Petroczi A., Backhouse S.H. (2014). Using the prototype willingness model to predict doping in sport. Scand J Med Sci Sports. 2014 Oct;24(5):e398-405.